Social

Melfi - lunedì 01 febbraio 2016 Attualità

Positive le prime impressione sulla Città

Un nuovo dirigente al Commissariato di Melfi

Subentra ad Alberigo Martino

Commissario Claudio Spadaro © n. c.
di La redazione

Il commissario capo Claudio Spadaro è il nuovo dirigente del Commissariato di Pubblica sicurezza di Melfi. Siciliano, 43 anni, due lauree, una in Economia in Commercio, l’altra in Giurisprudenza, un master in scienze della sicurezza, subentra ad Alberigo Martino trasferito a Livorno dove si occuperà della direzione del porto.

Entrato in Polizia nel 1998 ha prestato servizio presso il reparto mobile di Catania, la Polizia stradale di Lercara Friddi, in provincia di Palermo e presso il commissariato di Prati (Roma). Dal 2010 ha diretto la sezione Polfer di Villa San Giovanni, dal 2012 al 2016 ha rivestito l’incarico di dirigente Digos e capo Gabinetto della Questura di Crotone da dove proviene.

E’ la prima volta che dirige un commissariato distaccato.

“Melfi – ha commentato presentandosi alla stampa – è una realtà molto dinamica soprattutto per quanto riguarda la gestione dell’ordine pubblico tra i numerosi insediamenti industriali e la squadra di calcio impegnata in un campionato professionistico”.

Positiva la prima impressione sulla cittadina federiciana, definita tranquilla e pulita, e sui cittadini a cui chiede la massima collaborazione perché, come ha puntualizzato, per ottenere buoni risultati in termini di sicurezza è importante fare squadra.

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
Chiudi Non visualizzare di nuovo