Social

Melfi - lunedì 01 febbraio 2016 Attualità

Numerosi i campi di attività del Campus

Fca, ricercatori assunti al Campus d Melfi

Formati nei mesi scorsi per sviluppare competenze sulle nuove tecnologie

Stabilimento Fca di S. Nicola di Melfi © n. c.
di La redazione

L'assunzione di 20 ricercatori ha segnato oggi l'avvio del progetto relativo al "Campus di Melfi", il centro di ricerca, innovazione e formazione, situato in prossimità dello stabilimento Fca di S. Nicola di Melfi.

Nato grazie a una convenzione quadro siglata tra il Crf (società del gruppo Fca nata nel 1978 per l'impostazione e lo sviluppo di attività di ricerca e innovazione in ambito automobilistico) e la Regione Basilicata, è stato progettato per disporre di laboratori e attrezzature per l'attività di ricerca e innovazione.

L'assunzione dei ricercatori - che nei mesi scorsi sono stati formati per sviluppare competenze distintive su nuove tecnologie e metodologie del manufacturing - contribuirà così a dare continuità al progetto d'investimento e imprimerà un'accelerazione sull'avvio operativo della struttura.

Numerosi i campi di attività del Campus. Innanzitutto permetterà lo sviluppo di nuove metodologie e sistemi per il monitoraggio, il miglioramento e il mantenimento della qualità del prodotto. Inoltre, opererà con l’obiettivo di studiare e validare nuovi processi di assemblaggio e soluzioni innovative per l’eco-sostenibilità dei processi produttivi (Green Manufacturing).

Infine, realizzerà metodi e strumenti software per la simulazione dei processi e delle attrezzature produttive (Virtual Manufacturing). In pratica, il Campus di Melfi contribuirà a ricercare soluzioni applicative e pratiche, in risposta alle necessità di innovazione e miglioramento continuo provenienti dalle realtà industriali del territorio.

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
Chiudi Non visualizzare di nuovo