Oggi un pensiero particolare va alle vittime e ai loro familiari

Quel 23 novembre di paura e distruzione...

Sono passati 37 anni

Attualità
Melfi giovedì 23 novembre 2017
di La Redazione
Terremoto dell' 80
Terremoto dell' 80 © n. c.

Chi c’era, quel 23 novembre del 1980 ricorderà per sempre l’ora del terremoto. Trentasette anni fa, alle 19. 34, per un minuto e mezzo, novanta interminabili secondi, un forte sisma colpì Basilicata e l’Irpinia con epicentro tra i comuni di Teora, Castelnuovo di Conza e Conza della Campania. Il terremoto ebbe una magnitudo di 6.9, pari a circa il decimo grado della scala Mercalli.

Una delle più grandi tragedie del nostro Paese con un bilancio finale di tremila morti, 9mila i feriti e circa 300 mila senzatetto. Furono colpite 8 province: Avellino, Benevento, Caserta, Matera, Napoli, Potenza, Salerno e Foggia. Oggi in tanti comuni lucani e campani si sono svolte iniziative per ricordare le vittime.

Il tempo ha placato le furenti polemiche sull'erogazione dei fondi per la ricostruzione, ma non è bastato ad ultimare una lenta e difficile ricostruzione. Oggi, un pensiero particolare, va alle vittime e ai loro familiari.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Paolo Iuso ha scritto il 28 novembre 2017 alle 10:40 :

    Son rimasto così scosso che ricordar bene piu' non posso eravamo quattro o cinque erano le dicianove e trentacinque Era il giorno di Cristo Re era di novembre il ventitrè ad un tratto un forte boato qualcuno mi ha subito chiamato corri scappa il terremoto sono scappato con una moto per strada si udivano lamenti e pianti a correre erano propri in tanti ad un tratto mi sono fermato qualcuno mi ha chiamato aiutami sono ferito dalla mano mi manca un dito mentre da un angolo un vecchietto si è avvicinato e mi ha detto questa è l'ira di Gesu' per la fede che non c'è piu' Cav. Paolo Iuso Rispondi a Paolo Iuso

Le più commentate
Le più lette