Iniziativa dell’Associazione “Francesco Saverio Nitti"

Nitti, la voce italiana del liberalismo atlantico

Presentato a Melfi il libro dello storico Michele Cento sullo statista lucano

Cultura
Melfi lunedì 04 dicembre 2017
di La Redazione
Un momento della presentazione
Un momento della presentazione © n. c.

Un pubblico attento e numeroso è intervenuto alla presentazione del libro “Tra capitalismo e amministrazione, il liberalismo atlantico di Nitti” di Michele Cento, ricercatore presso l’Università di Bologna.

L'appuntamento culturale, organizzato dall’Associazione “Francesco Saverio Nitti” con il patrocinio del comune di Melfi, è stato introdotto da Gianluca Tartaglia direttore della stessa che ha sottolineato come l’iniziativa rappresenti “una sorta di prologo di quello che l’Associazione Nitti organizzerà nel corso del 2018, anno nel quale si celebra il centocinquantenario della nascita dello statista melfitano”.

Presentando l’iniziativa Giovanni Vetritto segretario del Comitato Scientifico della Fondazione Nitti e dirigente della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha affermato che “la monografia su Nitti liberale atlantico rappresenta un punto di vista molto interessante e attuale sulla dimensione propriamente politica dell'attività dello statista lucano. Dimostra la piena partecipazione di Nitti a un movimento internazionale di rinnovamento del pensiero liberale a cavallo tra i due secoli. Riafferma, anche con significative puntualizzazioni filologiche, la prevalenza del suo approccio democratico rispetto a quello tecnocratico alle riforme istituzionali. Ne coglie la centralità nella vicenda storica della "altra sinistra" liberal-democratica e anticollettivista, schiacciata, proprio nell'età di Nitti, dal massimalismo socialcomunista.

C'è da augurarsi che proprio in questa direzione prosegua il lavoro di ricerca di uno studioso come Cento, che con questo lavoro si propone come un importante esegeta dell'opera nittiana”.

L’ autore, sollecitato dalle domande dello stesso Vetritto, ha evidenziato nel corso della presentazione del volume come “Francesco Saverio Nitti è la voce italiana di un liberalismo atlantico che si afferma tra Otto e Novecento su scala transnazionale per governare e correggere le contraddizioni e le distorsioni del capitalismo industriale. Il liberalismo nittiano non arretra di fronte all’avanzata delle masse proletarie e l’esplosione della questione sociale, ma anzi da esse trae alimento per portare avanti un progetto di modernizzazione e democratizzazione del paese.

Non le riforme per il popolo, ma attraverso il popolo e le «lotte feconde»: ecco la sintesi della «rivoluzione liberale» di Nitti, il segno della sua originalità nel panorama italiano. Quando negli anni Dieci Nitti diventa ministro e poi presidente del Consiglio, la rivoluzione liberale verrà affidata sempre più a un’amministrazione di tipo nuovo, che realizza una compenetrazione tra pubblico e privato, senza cedere allo statalismo. Un tipo di amministrazione, quella di enti autonomi come l’INA, che lascia in eredità al Novecento italiano un modello di governo del capitalismo, almeno fino all’irrompere del neoliberalismo “.


Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette