Allenamento in sospensione, cos’è e quali sono i benefici

Innumerevoli i vantaggi; ideale per la riabilitazione dopo un infortunio e più in generale per il miglioramento della forma fisica

Roberto Cavaliere Lo sport è vita
Melfi - mercoledì 11 novembre 2015
©

Mai sentito parlare dell’allenamento in sospensione Trx?
Ecco cos’è e perché è tanto efficace.

Il Trx Suspension Training è un innovativo metodo di allenamento che, piuttosto che sfruttare pesi “esterni”, utilizza il peso corporeo del soggetto che si allena e la forza gravitazionale per massimizzare i risultati dell’attività fisica.

L’attrezzo che viene utilizzato nel Trx Training è frutto dell’impiego di materiali tecnologici che hanno portato alla realizzazione di un macchinario funzionale, valido e facile da usare, il cui impiego è ormai un must in tutte le palestre del globo.

Come è fatto? il TRX consta di tre parti: una cinghia di ancoraggio al soffitto, una parte centrale per la sospensione regolabile e le impugnature, situate nella parte bassa. L’attrezzo può essere anche personalizzato e/o accessoriato con anelli, cavigliere e pancere addominali, a seconda degli esercizi da praticare. Il costo è di circa 250 Euro.


Perché TRX?

L’approccio tradizionale nell’organizzazione dei programmi di allenamento basati sull’utilizzo dei pesi, consiste nel suddividere il corpo in base ai gruppi di muscoli principali (petto, schiena, gambe) che vengono poi allenate singolarmente. Tale approccio, se eseguito correttamente, porta all’aumento visibile della massa muscolare tanto ricercata dai culturisti.
La vita e la pratica sportiva, però, non richiedono soltanto che il nostro corpo sia fermo a mostrare i muscoli su un piedistallo. Inoltre, la maggior parte delle macchine isotoniche sono dotate di seggiolini, sostegni, e panche il che riduce la possibilità di allenare i muscoli posturali e stabilizzatori necessari per i movimenti veri e propri. Il corpo umano lavora per produrre movimenti e a tal fine, compie ogni tentativo per utilizzare tutti i muscoli necessari in maniera armoniosa a produrre azioni più efficaci ed efficienti possibili. Nella vita di tutti i giorni è necessario muoversi liberamente nello spazio, non entro i limiti di una macchina o secondo altri modelli di movimento restrittivi che contraddicono la natura evolutiva del movimento corporeo. E’ proprio il caso di dire: “LA POTENZA È NULLA SENZA IL CONTROLLO!”

Come funziona?
Gli esercizi con il sistema TRX utilizzano la forza di gravità e il movimento per innescare una risposta neuromuscolare ai cambiamenti della posizione del corpo nello spazio. L’utente percepisce queste risposte come lavoro. I movimenti svolti con tale metodo integrano forza ed equilibrio in modo dinamico che mette intensamente alla prova il sistema nervoso centrale ottenendo risultati più rapidi. L’allenamento è sicuro ed efficace per qualsiasi livello e fitness in quanto è possibile regolare istantaneamente la resistenza modificando la posizione del corpo.
Le combinazioni di movimento e gli esercizi praticabili sono innumerevoli, e questo garantisce non solo la libertà di creare un proprio percorso di training ma anche di migliorare con il passare del tempo e diventare dei veri esperti di Trx Suspension Training.

Allenamento 3D
Il TRX è lo strumento ideale per l’allenamento, la riabilitazione dopo l’infortunio, la preparazione per competere ad alti livelli e il miglioramento della forma fisica in generale. Il TRX corrisponde perfettamente al motto “make your body your machine” perché consente di allenare la forza attraverso qualsiasi movimento che il corpo umano è in grado di compiere contemporaneamente sui tre piani di movimento: frontale, sagittale e trasversale.

I vantaggi
E’ inutile sottolinearne i vantaggi che sono eccezionali: forza, flessibilità, stabilità, equilibro, coordinazione, potenza ed esercizi cardiovascolari vengono stimolati contemporaneamente, fino ad ottenere il massimo rendimento possibile ed un corpo tonico, armonioso, bello da vedere e soprattutto “FUNZIONALE”.


Bibliobrafia: TRX Suspension Training: corsi di gruppo. Guida dell’utente.

Altri articoli
Gli articoli più letti