Memorie e Folklore

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

Hende a l’erve s’accòve la sèrpe .


Nell’erba si nasconde il serpente.

Creste na vote te face e rr’ate vvote t’arrepezze.


Cristo una volta ti crea, le altre volte ti rattoppa.

La mana manghe non hadda sapè quere ca face la dritte.


La mano sinistra non deve sapere ciò che fa la destra.

La morte de la pèquere jè la furtune de li càne.


La morte della pecora è la fortuna dei cani.

Morte toje, saluta mije!


Morte tua, salute mia.

Murte nu puape se ne face n’aute.


Morto un papa se ne fa un altro.

Frange o Spagne, abbaste ca se magne!


O Francia o Spagna, basta che si mangia.

Che picche se cambe e che nninde se more.


Con poco si vive e con niente si muore.

So ttutte de na manere re ppurtehalle de Ggeròleme!


Son tutte uguali le arance di Girolamo.

Vatte ru ffuìre quante jè càude.


Battere il ferro quand’è caldo.

La presse face fa li feglje cecàte.


La fretta fa fare i figli ciechi.

So bbone re ffeche e re cerase, m’amare jè queru ppuane ca non trase!


Buoni sono i fichi e le ciliegie, ma amaro è il pane che non entra in casa!

Venne na cose pe nu pugne de micquele.


Vendere qualcosa per un pugno di lenticchie.

Luuà ru learde da mmocche a la hatte.


Togliere il lardo dalla bocca del gatto.

Luuà l’usse da mmoccge a lu quane.


Togliere l’osso dalla bocca del cane.

Peglje la nnumenate e vvìnne quante vù lu uene acete.


Prendi una buona nomea e venderai quando vorrai il vino adulterato.

Esse cume nu ciucce mmizze a li sùne.


Essere un asino in mezzo ai suoni.

Desscènne da lu custate d’Adame.


Discendere dalla costola di Adamo.

Esse cume nu pome fràcete (ca uaste li bbune).


Essere come la mela marcia (che guasta le buone).

No nn’è cchiù lu timbe de re vacche grasse.


Non è più il tempo delle vacche grasse.

Mette li chiuve hende li perteuse vicchje.


Mettere i chiodi nei buchi vecchi.

Venne lu uene senza frasche.


Vendere il vino senza la frasca.

Esse precise cume nu rellogge.


Essere preciso come un orologio.

Vestèute cume na reggene, scalze cume na haddene.


Vestita come una regina, scalza come una gallina.

Non tuquelà la calastre se no’ càdene re ffelescene felescene!


Non muovere la catena del camino altrimenti cade la fuliggine.

Vaje Mechele e se spezze nu puede, vaje Ggiuuanne e se rombe na hamme!


Va Michele e si rompe un piede, va Giovanni e si rompe una gamba!

Chi l’accede a cchi lu puahe.


Chi uccide e chi paga.

A ccase de pezzinde non mànghene tuzze.


A casa di poveri non mancano tozzi.

La malateja toje jè la saluta meje.


La tua malattia è la mia salute.

Tenìteme a quatte ca a ccinghe no mme patene.


Tenermi a quattro perché in cinque non ce la fanno.

Non dì quatte, se no lu tìne hende lu sacche.


Non dire quattro, se non l’hai già nel sacco.

L’accette non taglie e lu ciucce non camene!


Se l’accetta non taglia, l’asino non cammina.

Uaje e maccareune vòlene esse mangiate caude.


Guai e maccheroni vogliono essere mangiati caldi.

Chi tène na bbona moglie sembe cande;che tene assale solde sembe conde.


Chi ha una buona moglie canta sempre;chi è ricco sempre conta.

La megliere jè mizze pane.


La moglie è mezzo pane.

Ogne lassate jè perse.


Ogni lasciata è perduta.

Preme de rombe l’uve arrusteute prepare re fredde.


Prima di rompere l’uovo bazzotto, preparati le fette di pane.

Ogne pprete trove lu bbèuche.


Ogni pietra trova il buco.

Ogne pprète àuza meure.


Ogni pietra è utile per alzare un muro.

Chi tène lu purche a l’urte, non hadda fa la musse sturte.


Chi ha il porco nell’orto non deve fare il muso storto.

Fuche de salemende, che mene fuche e cchi se cagliende.


Fuoco di sarmenti, chi attizza e chi si scalda.

Arvele seccate accette affilate.


Albero secco ha bisogno dell’accetta affilata.

Parle e parle e la nnammurate jè sorde.


Parlo e parlo, ma l’innamorata è sorda.

La meglia votte se ne jè scelte acète.


La miglior botte è diventata aceto.

Siglje e ssiglje e lu pèsce peglje.


Scegli e scegli e il peggiore prendi.

Doppë ndërlambatë së sendë lu trunë.


Dopo il bagliore del lampo si sente il tuono.

La meglia rëcottë jè querë ca s’have rëjalàtë.


La migliore ricotta è quella che si ha in regalo.

Chi vajë pë spartë havë la meglia partë.


Chi va per dividere (due litiganti) ha la migliore parte (ne prende più di tutti).

So nnatë li grëddë e ognadèunë penzë pë hiddë.


Sono nati i grilli e ognuno pensa per sé.

Chi tènë nàsë tènë crëjanzë.


Chi ha naso ha buona creanza.

Dojë lèunë non fannë fuchë,trjë so’ assajë pochë,quattë e rë ffuchë jè fattë.


Due legne non fanno fuoco, tre sono molto poche, quattro e il fuoco è fatto.

Li canë quannë s’accòcchjënë, l’humënë quannë së scocchienë.


I cani (abbaiano) quando si accoppiano, gli uomini quando litigano.

Calë lu solë e vvenë la lunë.


Tramonta il sole e viene la luna.

Chiacchjërë a la furnë e ru ppuanë arsë.


(Mentre le donne) fanno chiacchiere al forno il pane si arde.

Jè la stëzzë ca facë lu pandànë.


E’ la goccia che fa il pantano.

Pë n’àcënë dë salë së perdë la mënestrë.


Per un grano di sale (in più) si rischia di perdere la minestra.

Quattë èrëmë tuttë la cumbuagnëja: lu cëcatë l’amë pustë a fa la spëjë, lu surdë a nnauzulà, lu ciumbë a ccogljë rë ffechë e lu senza vocchë së rë mmangiajë.


Quattro eravamo tutta la compagnia:il cieco l’abbiamo posto a far la spia, il sordo ad origliare, il monco a raccogliere fichi e il senza bocca li mangiava.

Tanda vummëzzë facë pëffènë c’hadda cchiovë!


Tanti rimbombi di tuoni provocheranno la pioggia.

Chi non tènë lu curaggë no nzë lu potë accattà.


Il coraggio chi non l’ha non se lo può comprare.

Ha ddëttë lu làponë: non më tucquà ca non tè tocchë.


Disse l’ape: non mi toccare che non ti tocco.

Non tuzzulà lu quanë ca dormë.


Non infastidire il cane che dorme.

Ognadèunë së raschi chë dd’ugnë ca tènë.


Ognuno si gratta con le unghie che ha.

Ha ddëttë lu sorgë a la nocë:”Dammë timbë ca të spurtosë.


Disse il topo alla noce:”Dammi tempo e io ti bucherò”.

No ngì dë furjë: Romë s’è ffattë na pretë la votë!


Non mettere grande fretta: Roma è stata costruita poco per volta.

Chë ttanda nindë s’accëdë nu ciuccë!


Con tanti niente si ammazza un asino.

Chi sputa ngilë mbaccë lë vènë!


A chi sputa in cielo, in faccia gli ritorna!

T’aja fa accattà da chi non të canosscë!


Ti devi far comprare da chi non ti conosce!

Megljë na haddëna oscë ca n’uvë dëmanë!


Meglio una gallina oggi che un uovo domani.

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Melfi

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno