Fenice sotto i riflettori di Striscia la Notizia

Attualità
Melfi sabato 30 aprile 2011
di La redazione
©

Il caso dell’inceneritore Fenice approda anche a Striscia la Notizia. Nella puntata di ieri sera un gruppo di cittadini di Lavello ha denunciato agli inviati del Tg satirico il proprio malessere e le preoccupazioni per i rischi connessi alla presenza di uno degli inceneritori più grandi d’Europa per lo smaltimento dei rifiuti.

Incomprensibile, a detta degli intervistati, la richiesta dell’incremento di ampliamento della quantità di rifiuti da bruciare.

Nei giorni scorsi infatti, sul sito istituzionale del comune di Melfi è stata pubblicata la richiesta dell’istanza di incremento dei rifiuti da smaltire. In particolare il progetto proposto prevede la modifica dell’autorizzazione del termovalorizzatore, variando la sola capacità della linea del forno a griglia da 30.000 a 39.000 tonnellate all’anno, senza prevedere modifiche dal punto di vista impiantistico, della superficie occupata e della volumetria dei fabbricati.

Eppure nel marzo del 2009 la stessa multinazionale francese si era autodenunciata per inquinamento delle falde acquifere. I cittadini hanno poi ricordato come l’allora Sindaco di Melfi avesse vietato con un’apposita ordinanza l’uso delle acque a valle dell’inceneritore.

Allarmanti anche i dati relativi agli incrementi in quella zona di tumori al colon, al retto e alla prostata documentati da rapporti di commissioni mediche. Un prezzo troppo alto che i cittadini non sono più disposti a pagare.

Lascia il tuo commento
commenti