L'appuntamento è a Venosa per martedì 1^ settembre

“Ogni volta che guardi il mare”

Spettacolo teatrale liberamente ispirato alla storia di Lea Garofalo, testimone di giustizia strangolata e bruciata

Attualità
Melfi venerdì 28 agosto 2015
di La redazione
Castello di Venosa
Castello di Venosa © n. c.

Dopo il debutto alla Festa del Teatro 2015 di San Miniato e la prima romana, arriva anche in Basilicata, per iniziativa della Fondazione Alessandra Bisceglia W Ale Onlus, lo spettacolo “Ogni volta che guardi il mare”. L’appuntamento è per martedì 1° Settembre al Castello Pirro del Balzo di Venosa. 

Scritto dalla giornalista Mirella Taranto, diretto da Paolo Triestino e interpretato dalla palermitana Federica Carruba Toscano, il monologo è un omaggio a Lea Garofalo, testimone di giustizia, strangolata e bruciata per ordine della ‘ndrangheta nel 2009, all’età di 35 anni, per non essersi sottomessa al sistema di faide, vendette e criminalità in cui erano invece sempre vissuti la famiglia di origine e il compagno, Carlo Cosco.

“Ogni volta che guardi il mare” si ispira liberamente alla vicenda di cronaca ma nasce dal puntuale studio delle carte processuali e degli articoli dell’epoca e dalla profonda conoscenza dei luoghi e del dialetto (che ogni tanto fa capolino là dove l’italiano non riesce a veicolare ora forza, ora dolcezza o prepotenza) da parte dell’autrice. 

L’ingresso prevede un contributo libero che sarà destinato a sostenere i numerosi progetti della Fondazione Alessandra Bisceglia W Ale Onlus che dal 2009 sostiene la realizzazione di interventi di sostegno in favore di bambini e adulti che sono affetti da malformazioni vascolari e promuove lo studio e la ricerca nel campo delle anomalie vascolari.

 

Lascia il tuo commento
commenti