Un dato fortemente negativo è quello della permanenza media del turista nelle località lucane

Musei: quello di Melfi è sempre il più visitato

Si conferma tra i primi della Regione

Cultura
Melfi sabato 28 luglio 2018
di La Redazione
museo melfi
museo melfi © melfilive

I visitatori nei musei e siti archeologici della Basilicata tra gennaio e maggio di quest’anno, secondo i dati diffusi oggi dal MIBACT, sono stati 108.554. Un buon risultato tenuto conto dell’imminente stagione estiva che è quella che determina i flussi maggiori di visitatori che nel 2017 sono stati complessivamente 250.420 (contro i 235.468 del 2016) con un incremento del 6,35%.

E’ quanto si legge in una nota del Centro Studi Turistici Thalia.

“Ma – commenta Piero Scutari, presidente del Centro– non dobbiamo accontentarci dell’effetto numerico. Dall’ analisi del nostro Centro Studi emerge che il numero di tutti i visitatori messi insieme nei 17 luoghi della cultura statali presenti in Basilicata equivale a quelli di un anno alla Grotta Azzurra di Capri; inoltre è minore rispetto a quello dei visitatori di Paestum o rispetto ai visitatori in soli tre giorni a Pompei. Altro dato fortemente negativo è quello della permanenza media del turista nelle località lucane di turismo culturale".

Tra i primi per visitatori si conferma il Museo Archeologico Nazionale del Melfese “Massimo Pallottino”, seguito dal Museo Nazionale d’Arte Medievale e Moderna della Basilicata di Matera . A seguire il il Museo Archeologico Nazionale di Metaponto a Bernalda e il Museo Nazionale della Siritide a Policoro.

Lascia il tuo commento
commenti